Olandese

“Babbel è il sito che abbatte le frontiere dell’apprendimento linguistico.”

“Babbel, una delle icone del fai da te per l’apprendimento online.”

“Babbel.com, una app di gran successo per l’apprendimento delle lingue.”

Olandese

La lingua olandese, termine usato in Italia per indicare l’idioma parlato nei Paesi Bassi, è utilizzata da circa 23 milioni di persone nel mondo. Storicamente l’Olanda è stata proprietaria di numerose colonie, dall’Africa alle Americhe, e ha esportato lingua, norme e usanze dall’Europa ai territori conquistati. Oggi l’Olandese è lingua ufficiale nei Paesi Bassi, nel Belgio, nelle isole caraibiche di Aruba, Curaçao e Sint Maarten, e nel piccolo stato del Suriname. È tutelata e rappresentata dalla Nederlandse Taalunie, l’Unione della lingua nederlandese.

Perché imparare l’olandese

A cosa serve l’olandese? Per prima cosa, viaggiare. L’Olanda è un paese affascinante sotto numerosi punti di vista. Entrare in contatto con la sua cultura significa comprendere aspetti cruciali della storia dell’Europa, come la nascita del mercantilismo e il peso culturale del colonialismo. Chi si reca in Olanda nei panni di un turista non potrà fare a meno di visitare le sue pittoresche città, tanto significative dal punto di vista dell’arte e dell’architettura, quanto piene di vita e di mistero.

Una competenza importante

L’Olanda è uno dei primi paesi al mondo nella classifica della qualità della vita e dell’Indice di Sviluppo Umano. Per alfabetizzazione, tecnologia, investimenti in cultura e ricerca e livello di benessere, questo paese è attualmente una delle mete preferite da chi scappa dalla crisi, insieme a Belgio e Lussemburgo, con cui forma la regione del Benelux. Chi conosce l’olandese ha accesso a un vasto bacino d’affari, che va dall’Olanda al Belgio, dai Caraibi al Sudafrica e alla Namibia, dove è in auge l’idioma gemello noto come Afrikaans.

Come cambia la lingua tra Olanda, Belgio e Fiandre

Sebbene in Italia sia uso comune indicare la lingua parlata in Olanda col termine “olandese”, in realtà il nome corretto di questo idioma è “nederlandese”, che deriva direttamente dall’originale Nederlands. È questo il nome della lingua ufficiale parlata ad Amsterdam e nel resto del paese. Avvicinandoci al Belgio e in particolare alla regione delle Fiandre, ci si imbatte in una variante leggermente diversa da quella standard nederlandese, dove a cambiare sono alcune usanze nel vocabolario e nella pronuncia: per esempio nella pronuncia della lettera G, che in Olanda viene appena accennata, oppure nell’utilizzo della forma di cortesia, popolare soprattutto nelle Fiandre per mostrare rispetto agli anziani.

Imparare con Babbel

I corsi di olandese etichettati Babbel sono stati concepiti per offrire un metodo d’apprendimento naturale e divertente. Partendo dallo studio del vocabolario di base i corsi mirano a trasmettere la conoscenza della lingua gradualmente ma con efficacia, e soprattutto seguendo il principio di ottimizzazione del tempo. Per allenare la pronuncia Babbel offre una soluzione all’avanguardia: un sistema automatico di riconoscimento vocale, col quale perfezionare giorno dopo giorno le sfumature dell’espressione orale. Il social network interno permette di fare nuove amicizie e mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti, mentre la razionalizzazione delle lezioni consente di gestire il proprio tempo in autonomia, ripassando all’occorrenza le proprie debolezze lessicali. Il prezzo accessibile, rende inoltre i corsi di olandese offerti da Babbel non solo efficaci, ma anche convenienti e adatti a studenti e lavoratori.

1holworldmap