+B

Introduzione alla grammatica olandese

“Babbel è il sito che abbatte le frontiere dell’apprendimento linguistico.”

“Babbel, una delle icone del fai da te per l’apprendimento online.”

“Babbel.com, una app di gran successo per l’apprendimento delle lingue.”

Imparare la grammatica olandese

  • Semplicità e immediatezza: i punti di forza di Babbel.
  • Miglioramenti graduali per un percorso entusiasmante.
  • Esercitazioni ideate in base al livello raggiunto dallo studente.
  • Ascolto, scrittura, esercizi e ripasso: ecco come migliorare la grammatica olandese.

Gli elementi cardine della grammatica olandese

Considerando Belgio e Olanda, i madrelingua olandesi hanno superato la cifra di 23 milioni. Un dato importante, che ha portato questo idioma alla settima posizione, come diffusione, all'interno della UE. Se l'ortografia olandese si rivela meno complicata del previsto, è la grammatica a dare origine a problemi. Siete in procinto di trasferirvi per lavoro in Olanda, o desiderate trascorrere nel suo territorio qualche giorno di vacanza? Un corso Babbel farà al caso vostro, perché senza annoiarvi vi garantirà risultati sorprendenti fin dalle prime lezioni.

Se la coniugazione dei verbi regolari generalmente non è fonte di preoccupazione, è la sintassi ad essere meno immediata. Per quanto concerne gli articoli, l'olandese ne prevede diverse tipologie: gli indefiniti ("een", corrispondente a "un", "uno" o "una"), i definiti ("de", ossia "il" o "la") e l'articolo "het" (lo). Se avete già seguito un corso Babbel di tedesco o russo, oppure se disponete di reminiscenze di latino, tirate pure un sospiro di sollievo: la lingua olandese, infatti, non fa uso delle declinazioni. Le esercitazioni di Babbel cambiano a seconda del livello raggiunto e sono sviluppate partendo da situazioni concrete.

La sintassi: con Babbel imparerete velocemente

Un buon consiglio per arrivare a costruire frasi corrette dal punto di vista sintattico consiste nel dedicarsi alla lettura. La costruzione sintattica ha diversi elementi in comune con il tedesco, anche se nel primo caso sono previste tre tipologie di verbi (in luogo dei due, regolari e irregolari, adottati in altri idiomi). Esistono, inoltre, due diversi articoli "il". Curiosa è anche la presenza di quattro modi diversi per esprimere il concetto di "essere" e di altri quattro per indicare il termine "questo". Normalmente una frase si compone di soggetto, predicato verbale, tempo, modo e luogo. Questo senza considerare i complementi diretti e indiretti, i pronomi riflessivi e ulteriori elementi. Sono ammesse variazioni legate alle modalità impiegate per esprimere tempo, modo e luogo. Troppo complicato? Il metodo Babbel vi sorprenderà per semplicità e immediatezza.

Riuscire a coniugare il presente indicativo e l'imperfetto dei verbi regolari è già un buon viatico per iniziare a formulare frasi corrette. Partendo da questi due tempi è possibile crearne altri, dal passato prossimo al futuro, fino al condizionale. I verbi irregolari sono conosciuti anche come verbi "forti" e si contrappongono ai verbi "deboli", ossia quelli regolari. A questi si affiancano, come accade nell'italiano, i verbi ausiliari. Oltre ad essere impiegati per il passato prossimo, possono modificare il verbo "principale". Ad esempio, trasformano la frase "io voglio fare" in "ho ho da fare" o in "io mi auguro di fare". Infine, la lingua "orange" fa uso dei verbi composti, formati da due elementi: un verbo e una seconda parola, come accade con "deelnemen" ("partecipare"). Scegliendo Babbel otterrete veloci miglioramenti nella comprensione dei tempi verbali, sia attraverso gli esercizi che dedicandovi all'ascolto e alla lettura.

Plurali e diminutivi: gli esercizi di ripasso Babbel per memorizzarli

Nei sostantivi sono i diminutivi e i plurali a richiedere il massimo impegno. I plurali si ottengono aggiungendo al singolare la voce "en". Esistono anche dei sostantivi neutri che, al plurale, terminano in "eren". I diminutivi sono molto frequenti. Sostanzialmente, sono due le modalità per ottenere un diminutivo. La prima consiste nell'aggiungere "tie", la seconda si ottiene aggiungendo "ke" (opzione poco diffusa, utilizzata solamente in determinati dialetti). Gli esercizi di ripasso di Babbel vi aiuteranno a padroneggiarli con scioltezza.

Iscrivendovi a un corso di olandese di Babbel, scegliendo tra mensile, trimestrale, semestrale e annuale, vi avvicinerete gradualmente allo studio della lingua, riuscendo ben presto a padroneggiare anche un elemento ostico come la grammatica. Approfittate della prima lezione gratuita per rendervi conto dell'efficacia dei corsi interattivi.