Parla le lingue come hai sempre sognato

Parla le lingue come hai sempre sognato

Prova una lezione. La prima di ogni corso la offriamo noi.

Le parole più belle del mondo

Il concorso di Babbel “My Favourite Word”, che invita gli utenti a inviare un video con la propria parola straniera preferita, mi ha fatto riflettere su una domanda: come ci innamoriamo di una parola?

Spesso è una decisione del tutto arbitraria. Se è vero che non siamo noi a scegliere le persone delle quali ci innamoriamo, è un po’ la stessa cosa con le parole. Ad esempio, la mia prima parola preferita in tedesco è Kühlschrank, frigorifero. È un termine di un pragmatismo talmente sfrontato che ne sono rimasto subito affascinato. Chi altri se non i tedeschi metterebbero insieme le parole “fresco” e “armadio”, creando una fusione di banalissimi termini di uso quotidiano per descrivere perfettamente un frigorifero, che appunto è dopo tutto solo un “armadio fresco”?

Ma non è solo una questione di significato: anche il lungo suono della ü seguito da una serie di roboanti consonanti ha sempre avuto un fascino del tutto speciale per me. Per Giacomo Leopardi, “forse” è “la parola più bella del vocabolario italiano”. Oltre all’infinita gamma di possibilità che questo termine reca con sé, probabilmente è anche il suo suono dolce ad averne fatto la preferita del celebre filosofo e scrittore.

Alcuni dei video in concorso contengono proposte fantastiche:

  • Nonchalant (indifferente, disinvolto), una parola che fa scivolare delicatamente insieme vocali e morbide consonanti come su una nuvola
  • Ludicrous (assurdo, paradossale), che, a pensarci, in effetti è una parola un po’ assurda
  • Krass! Questa esclamazione tedesca è difficile da spiegare, ma è incredibilmente utile. Se detta al momento giusto (soprattutto quando si è arrabbiati), è come una piccola esplosione

Provate a porvi anche voi questa domanda: quali sono le parole che amo di più? Le risposte possono essere molto significative. Potreste rendervi conto che quello che vi attira in una parola è il significato, mentre in un’altra è l’estetica. O magari vi piacciono in particolare le parole di una certa cultura? Un mio amico adora le onomatopee in giapponese e un altro ha passato giorni interi a imparare a memoria gli insulti in francese.

È un argomento molto divertente e affascinante, perché le possibilità sono vaste come il linguaggio stesso. Date un’occhiata ai video e condividete anche voi le vostre parole preferite con il resto del mondo!

Sito web del concorso My Favourite Word: it.babbel.com/competition