Come diventare messicani in 13 passi

Vorreste indossare un sombrero, bere tequila e mangiare burrito tutto il giorno? Non basterà. Dimenticate gli stereotipi: ecco la nostra guida per diventare messicani!
21/09/2015
Come diventare messicani in 13 passi
  1. Quando la nazionale di calcio messicana vince una partita, andate a festeggiare all’ angel de la Independencia.
  2. Dopo una notte di festa, la tappa obbligata è uno stand di tacos dove ordinerete qualche taco al pastor.
  3. Salutate tutti i vostri amici con ¿qué onda wey?
  4. … e aggiungete una speciale e coreografica stretta di mano seguita da abbraccio e stretta di mano finale (sì, di nuovo!).
  5. Il chili non è mai abbastanza piccante. Mai.
  6. Spremete succo di lime su tutto quello che mangiate.
  7. La frase mi casa es tu casa è intesa in senso letterale: se un vostro amico vi dice che ha organizzato una festa a casa vostra… credetegli. Fa sul serio.
  8. Se qualcuno vi chiede se preferite una michelada (birra con succo di lime e sale) oppure una michelada cubana (michelada con salsa piccante), rispondete semplicemente ¡por favor!
  9. Non bevete tequila (è buonissima ma – Hijole wey – bisogna starci attenti con quella roba).
  10. Non si è mai troppo vecchi per dare qualche bastonata a una piñata di Natale.
  11. Le tre priorità assolute nella vostra vita: mamá, la nazionale di calcio e la virgen de Guadalupe.
  12. Abituatevi ad utilizzare ahorita (il suo significato è a metà tra “molto presto” e “mai”) invece di ahora (“ora”), e fatelo almeno tre volte al giorno.
  13. Se volete esprimere gioia, esclamate ¡a huevo! (“ah, uovo!”)
Vuoi approfondire lo studio delle lingue?
Prova ora Babbel
Author Headshot
Héctor Vargas
Héctor Vargas è nato e cresciuto a Città del Messico. Nel 2009 si è trasferito a Berlino e da allora la sua missione personale è diventata quella di far scoprire agli europei l'autentica *salsa roja*, i *tacos al pastor* e la *cochinita pibil*.
Héctor Vargas è nato e cresciuto a Città del Messico. Nel 2009 si è trasferito a Berlino e da allora la sua missione personale è diventata quella di far scoprire agli europei l'autentica *salsa roja*, i *tacos al pastor* e la *cochinita pibil*.

Articoli che ti potrebbero interessare

5 modi per smascherare un italiano che parla inglese

5 modi per smascherare un italiano che parla inglese

Quali sono i 5 errori più comuni tra gli italiani che parlano inglese? Scopriteli con noi e ascoltate i clip audio per migliorare la vostra pronuncia
Italiano, 35 anni, parla 11 lingue: ecco i suoi trucchi

Italiano, 35 anni, parla 11 lingue: ecco i suoi trucchi

Questo articolo è pensato per chi ha il sogno di diventare multilingue. Luca Lampariello rivela in che modo è riuscito a trovare la motivazione per imparare 11 lingue e consiglia a tutti di… iniziare senza indugi!
Bellissime parole italiane dimenticate

Bellissime parole italiane dimenticate

Ci sono molte meravigliose parole italiane che, purtroppo, sono cadute in disuso. Scopriamone alcune grazie a questo divertente racconto!