Grammatica polacca

“Babbel è il sito che abbatte le frontiere dell’apprendimento linguistico.”

“Babbel, una delle icone del fai da te per l’apprendimento online.”

“Babbel.com, una app di gran successo per l’apprendimento delle lingue.”

La grammatica polacca

Il polacco, lingua ufficiale della Polonia, è parlato anche in Lituania ed Ucraina e in tutte le aree del mondo toccate dall’immigrazione polacca. Si tratta di una lingua indoeuropea ed in particolare appartiene al gruppo slavo occidentale assieme al ceco, lo slovacco e altre lingue minori. Un corso di polacco può essere interessante non solo per conoscere la lingua in sé ma anche per entrare in contatto con la cultura storica e letteraria polacca e slava in generale.

Una breve introduzione alla grammatica polacca

La grammatica polacca è piuttosto diversa da quella italiana ma è di sicuro interesse constatare come il lessico polacco abbia subito una forte influenza da parte della lingua latina e greca; vi si ritrovano inoltre in campo culinario e musicale anche alcuni prestiti dalla lingua italiana. La differenza forse più evidente tra la grammatica polacca e quella italiana è che in polacco non si usa l’articolo e anzi sono presenti sette casi, ovvero si declina il finale di parola. Essi sono: nominativo, genitivo, dativo, accusativo, strumentale, locativo e vocativo. Altra particolarità della grammatica polacca è l’aspetto verbale, che può creare serie difficoltà a chi non scelga un corso di polacco ben strutturato. Vi sono solo tre tempi verbali: presente, passato e futuro, ma ad ogni verbo corrispondono due termini di uguale significato ma di diverso aspetto: uno perfettivo, che indica azioni compiute verificatesi una sola volta, e uno imperfettivo che esprime azioni in corso o reiterate. Per un italiano talvolta è difficile scegliere quale dei due termini utilizzare. La grammatica polacca è talvolta considerata semplice da apprendere per noi italiani proprio per questa assenza di tempi verbali complicati, ad esempio non esiste il congiuntivo, l’accento cade quasi sempre sulla penultima sillaba come in italiano, ecc., tuttavia occorre non farsi ingannare dalle apparenze e scegliere con cura il corso di polacco adatto alle proprie esigenze.

La crescente importanza della lingua polacca

Imparare il polacco è interessante per chiunque voglia entrare in contatto con la realtà polacca magari per lavoro o, semplicemente, per motivi di studio o turistici. Da quando la Polonia è entrata a far parte dell’Unione Europea c’è stata una maggiore circolazione di persone in entrata e in uscita, la creazione di nuove imprese e scambi commerciali. Tutto ciò può favorire quelle persone che scelgano di imparare il polacco. Sono tanti i motivi per cui intraprendere un corso di polacco e tra questi, perché no?, la curiosità di entrare in contatto con un paese non tanto lontano dal nostro ma con una storia e una cultura differenti.

Impara il polacco e la sua grammatica con Babbel

Apprendere una nuova lingua è sempre entusiasmante ed appassionante, ma richiede tanto tempo e fatica.

Imparare il polacco su Babbel è un’alternativa molto efficace per apprendere questa lingua, infatti offre ad un prezzo molto vantaggioso la possibilità di svolgere esercizi multimediali (lettura, ascolto, scrittura), dispone di un sistema di riconoscimento vocale per migliorare la pronuncia e di un proprio social network per praticare ciò che si è imparato. Sono disponibili applicazioni per ogni tipo di dispositivo da Apple ad Android passando per Windows 8. Le lezioni sono divise per livelli di apprendimento e per moduli tematici, così da soddisfare appieno le esigenze di apprendimento di principianti, progrediti o chi è interessato solo ad alcuni temi come la musica, la culinaria, le espressioni idiomatiche e molto altro. Scopri il mondo di Babbel, collegati su http://it.babbel.com e prova la prima lezione!

Grammatica Polacca