Guida di viaggio a Città del Messico: cosa fare e come prepararsi

Città del Messico può essere travolgente, soprattutto se si considera che è una delle più grandi città del mondo (con oltre 21 milioni di abitanti!). Ma per viverla come uno del posto, tutto ciò che vi serve è questa pratica guida.
Author's Avatar
Guida di viaggio a Città del Messico: cosa fare e come prepararsi

Illustrazione di Victoria Fernandez

Periodo migliore dell’anno per viaggiare a Città del Messico

Marzo-aprile: se state cercando un posto speciale per celebrare l’Equinozio di Primavera, potete farlo con stile alle Piramidi di Teotihuacán (soprattutto perché gli alberi di jacaranda sono in fioritura e colorano le strade di viola).

Settembre: questo è il mese nazionale! Nei ristoranti, potrete ordinare i famosi chiles en nogada. Il 16, poi, celebriamo il nostro Independence Day sullo Zócalo, la piazza principale della città.

Ottobre-novembre: anche questo periodo dell’anno è ottimo per visitare Città del Messico (e non solo perché il tempo è migliore che nella maggior parte dei posti dell’emisfero settentrionale). È un momento particolarmente bello perché la città si riempie di altarini e calendule per celebrare il Giorno dei Morti, che cade ufficialmente il 1 ° e il 2 novembre.

Come prepararsi

Come ogni città capitale, Città del Messico è caotica. Non proprio nella stessa misura di New Delhi, Tokyo o Hanoi, ma vale sicuramente la pena prepararsi mentalmente per quei momenti di “persone dappertutto”.

Non cercate di fare troppo. La città è enorme e il traffico tende ad essere lento, quindi è necessario tenere conto del tempo per gli spostamenti e individuare i percorsi migliori per ottenere il massimo dal vostro soggiorno.

Il clima è imprevedibile. Pur essendo relativamente vicini all’equatore, la gente del posto scherza sul fatto che si possono avere tutte le stagioni in un solo giorno. La cosa migliore è essere preparati per il freddo, la pioggia e il caldo, e vestirsi a strati. La temperatura media annuale varia tra 9-24 ° C.

Consigli economici

Sebbene Città del Messico sia più cara di alcuni degli stati confinanti, è indubbiamente più economica della Riviera Maya e della Bassa California (e di quasi tutte le città statunitensi). Uno dei suoi vantaggi è che, essendo una grande città, è facile trovare opzioni di intrattenimento e cibo per tutte le tasche.

La mancia è facoltativa e, per legge, nessun esercizio commerciale può aggiungerla al conto, ma si consiglia comunque di lasciare tra il 10-15% per essere educati.

Quando andate a cambiare i soldi, chiedete banconote di piccolo taglio se possibile. E tenete in tasca qualche spicciolo per pagare i bagni pubblici o per comprare uno spuntino veloce per strada.

Trasporti a Città del Messico

Metro: la metropolitana costa 5 pesos per un singolo viaggio e, indipendentemente dalla distanza o dai cambi, è l’ideale per coprire lunghe distanze e arrivare a zone congestionate come Reforma, Polanco e Centro Histórico.

Metrobús: 6 pesos per un singolo viaggio a senso unico (più 16 pesos per la carta prepagata). Consigliato per i viaggi più brevi.

Ecobici: è un programma pubblico di bike sharing finanziato dal governo. È particolarmente utile per spostarsi all’interno di una stessa colonia (quartiere) come Roma o Condesa. Tuttavia, la mancanza di piste ciclabili rende sconsigliabili i viaggi più lunghi. Sono disponibili abbonamenti da 1, 3 e 7 giorni, con quasi 500 punti di raccolta-bici in giro per la città.

Taxi o Uber: questa è l’opzione migliore per spostarsi di notte, soprattutto quando non si conosce il percorso esatto. È possibile individuare un taxi dai suoi colori, rosa e bianco, e dal logo di Città del Messico. La tariffa viene calcolata con il parchimetro e parte da circa 9 pesos.

Alloggio

Per evitare di sprecare troppo tempo in giro, l’opzione migliore è cercare un hotel o Airbnb vicino all’area Chapultepec/Reforma. Da lì, si può facilmente raggiungere il Centro Histórico, Roma, Condesa e Polanco, che sono i luoghi turistici più popolari.

Il meglio di Città del Messico in 24, 48 e 72 ore

1 ° giorno: Fate colazione alla Casa de los Azulejos (letteralmente, “la casa dei mosaici”), quindi esplorate la splendida architettura del Palacio de Bellas Artes, il Palacio de Correos e la Cattedrale Metropolitana, pranzate in un caffè sullo Zócalo, visitate il sito archeologico e il Museo Templo Mayor, poi fate un giro al tradizionale mercato La Ciudadela, e terminate con la notte dei Mariachi a Plaza Garibaldi e qualche drink al bar La Ópera.

2 ° giorno: Iniziate con un viaggio in trajinera (barca sul canale) lungo i canali di Xochimilco, poi esplorate il Castello di Chapultepec e il Museo Nazionale di Antropologia e Storia, fermatevi a pranzo in un ristorante nel quartiere di Roma, godetevi il ​​lucha libre (wrestling) nell’Arena México, e finite con cena e bar-hopping nel quartiere di Condesa.

3 ° giorno: Non sarebbe un viaggio a Città del Messico senza una visita al sito archeologico di Teotihuacán (incluse piramidi e complessi residenziali), quindi trascorrete il pomeriggio a Coyoacán per visitare il quartiere bohémien della città, provate il cibo messicano di strada (antojitos) e fate shopping nei mercatini dell’artigianato.

La cosa più importante: godetevi il vostro soggiorno! Se vi sentite frustrati perché non riuscite a vedere tutto, ricordate che anche pochissimi abitanti del posto ci riescono!

Vuoi parlare spagnolo con disinvoltura per il tuo prossimo viaggio in Messico?
Inizia un corso con Babbel!
Che lingua vuoi imparare?