17 modi per salutare in tedesco

Abbiamo raccolto tutte le varianti tedesche di saluti e forme di cortesia e abbiamo deciso di fornirvi qualche consiglio per sapere sempre qual è la forma più adatta al contesto in cui vi trovate. Buona lettura!
23/04/2018
17 modi per salutare in tedesco

Tutti quanti, anche senza aver mai studiato il tedesco, sanno che per salutare si dice guten Tag o guten Morgen – se è giorno – guten Abend se è sera, Hallo e Hi per varie situazioni informali. Ma questo è un gioco da ragazzi.

Vuoi imparare il tedesco? Clicca qui e prova gratuitamente Babbel!

Imparare il giusto registro da adottare a seconda del contesto e della persona che avete davanti rappresenta uno degli ostacoli maggiori quando si tratta di imparare una lingua straniera. Dopotutto, a volte succede di fare gaffe anche nella propria lingua, no? Ma questo è proprio quello che vogliamo evitare. Abbiamo raccolto le varianti tedesche di saluti e forme di cortesia che si prestano a tutte le situazioni e abbiamo deciso di fornirvi qualche consiglio per sapere sempre qual è la forma più adatta al contesto in cui vi trovate.

Come salutare in modo carino

I tedeschi hanno la particolare capacità di rendere “dandy” e affettata qualsiasi forma di saluto. “Hallo” può diventare Hallöchen (-chen è il suffisso diminutivo, quindi questa forma di saluto si traduce letteralmente con un “ciaino!”), e Tschüss (“ciao” quando ci si lascia) spesso diventa Tschüssi.
Un’altra forma di saluto piuttosto comune è na? , una “domanda esclamativa” con così tanti significati che non basterebbe un semestre all’università per impararli tutti.

Le varie forme di “na?”

Negli anni ’90, quando ero uno studente delle medie in Inghilterra, si usava mormorare un “alright” (contratto in “right”) per salutarsi tra amici e compagni di classe. (In italiano suonerebbe più o meno come un “tutto ok?”)
Quando mi sono imbattuto per la prima volta nella parola “na” (circa dopo 68 secondi che ero in Germania), l’ho associata al mio vecchio “alright” e non mi sono sbagliato di molto. Si tratta di una forma contratta che traduce più o meno il “hey, ciao, come va?” e che prevede una risposta altrettanto contratta, che quasi sempre è proprio un altro “na?”
Quando i tedeschi si dicono “ciao”, spesso non dicono mai “ciao”. Si guardano in silenzio in una specie di gioco a chi resiste di più e poi uno dei due si arrende ed emette un nitido “na?” Per aggiungere un po’ di affetto, potrebbero decidere di completare il tutto con un “du”. Na du?
Oltre alla forma di saluto, “na” può anche essere usato come sollecitazione di una risposta nei confronti di un interlocutore che esita. Se viene combinato con ja (“na ja”) diventa un’esclamazione sprezzante, se invece viene completato da un gut (“na gut”), allora comunicherà una sorta di riluttante rassegnazione.
La classica parolina piccola ma cattiva, insomma.

Come differenziare i saluti a seconda del momento e del luogo

Arriviamo ora al momento in cui vorrete mettere da parte la formalità per guardare il vostro interlocutore dritto negli occhi. È questa l’occasione di usare il “guten”, aggiungendoci un “Tag ” o “Tach”. Se è mattina, potrete tentare un semplice “morgen”.
Attenzione però: esistono alcune differenze regionali. Ad Amburgo, verrete salutati con uno squillante moin moin o moinsen, in Baviera con un robusto Grüß Gott o Servus! In Austria, aspettatavi un Grüzi. Sei gegrüßt! e Glück auf! saranno i saluti che vi rivolgeranno nel sud. Infine, potrete usare Mahlzeit per salutare i colleghi che passano per andare in pausa pranzo, oppure un Hallo Zusammen per salutare un gruppo di persone senza dover stringere la mano a tutti.

 

Vuoi imparare il tedesco?
Inizia subito con Babbel!
Author Headshot
Ed M. Wood
Ed M. Wood è originario di Wells, la città più piccola dell'Inghilterra, e oggi vive a Berlino. Ha studiato psicologia all'università di Southampton prima di lavorare come insegnante e traduttore in Spagna, Inghilterra e Germania. Ha poi proseguito gli studi con un Master in Scienze Politiche a Bath, Berlino e Madrid. I suoi interessi principali sono le lingue, le culture e i viaggi e sono proprio queste tre cose che lo hanno portato fino alle torri di Babbel, la sua residenza attuale.
Ed M. Wood è originario di Wells, la città più piccola dell'Inghilterra, e oggi vive a Berlino. Ha studiato psicologia all'università di Southampton prima di lavorare come insegnante e traduttore in Spagna, Inghilterra e Germania. Ha poi proseguito gli studi con un Master in Scienze Politiche a Bath, Berlino e Madrid. I suoi interessi principali sono le lingue, le culture e i viaggi e sono proprio queste tre cose che lo hanno portato fino alle torri di Babbel, la sua residenza attuale.

Articoli che ti potrebbero interessare

8 parole tedesche molto difficili e i trucchi per pronunciarle perfettamente

8 parole tedesche molto difficili e i trucchi per pronunciarle perfettamente

Abbiamo scelto le parole tedesche più difficili e abbiamo chiesto a 5 persone di pronunciarle. Ecco che cosa è successo!
5 consigli per imparare il tedesco (da parte di un’italiana che ci sta provando)

5 consigli per imparare il tedesco (da parte di un’italiana che ci sta provando)

Volete imparare il tedesco ma siete assoluti principianti e non sapete bene da che parte iniziare? Ecco tutti i consigli di un’eterna studentessa (italiana) che ce la sta mettendo davvero tutta!
Presentarsi in spagnolo: tutte le espressioni da imparare subito

Presentarsi in spagnolo: tutte le espressioni da imparare subito

Quanti modi ci sono per salutare in spagnolo? Scopritelo assieme alla nostra madrileña Cristina.