Come rispondere al telefono in diverse lingue

Abbiamo raccolto i saluti telefonici in tutte le 14 lingue di Babbel, e abbiamo aggiunto le parole che riproducono il suono del telefono in ogni lingua.
08/03/2015
Come rispondere al telefono in diverse lingue

Dire “pronto?” rispondendo al telefono è diventato ormai un riflesso automatico, ma come mai questa parola e non un’altra? Su questo argomento non è possibile dare una risposta certa. L’ipotesi più accreditata fa risalire l’usanza ai primissimi tempi della telefonia. L’abbonato si metteva in contatto con le centraliniste, che tentavano di prendere la linea e poi avvertivano l’abbonato che il collegamento era pronto. Da qui forse l’uso di precedere la conversazione con un “pronto”.
E come mai in tante lingue si usa una qualche versione della parola “hello” (ciao) quando si alza la cornetta? Se pensi che “hello” sia stato adottato come risposta telefonica dopo essersi diffuso come saluto, ti stai sbagliando: in molte lingue, il corrispettivo di “hello” come saluto telefonico ha preceduto il suo uso in funzione di saluto vero e proprio.

Poco dopo l’invenzione del telefono si iniziò a discutere su cosa si sarebbe dovuto dire sollevando la cornetta. Alexander Graham Bell, che brevettò il design per il telefono nel 1876, propose il saluto marinaresco “Ahoy!”, ma per molti utenti alle prime armi questa risposta risultava troppo nautica, e non prese mai piede. Thomas Edison suggerì “hello” nel 1877, ma all’epoca “hello” (o “hullo”) non significava “ciao”. Era una parola usata per lo più per attirare l’attenzione di qualcuno, come “Ehilà!”. Quando le guide telefoniche ne stabilirono l’uso nell’apposita sezione “come si fa”, “hello” si impose come saluto standard, al telefono e, succesivamente, nella vita di tutti i giorni.

A livello internazionale, la parola “hello” è associata in maniera così stretta alla risposta telefonica che molte lingue ne usano un derivato che le assomiglia molto. Abbiamo raccolto i saluti telefonici in tutte le 14 lingue di Babbel, e grazie a James Chapman, illustratore appassionato di onomatopee, abbiamo aggiunto le parole che riproducono il suono del telefono in ogni lingua.

inglese – Hello?
suono del telefono – ring ring

italiano – Pronto?
suono del telefono – drin drin

turco – Alo?
suono del telefono – zir zir

polacco – Tak, słucham?
suono del telefono – dzyń dzyń

indonesiano – Halo?
suono del telefono – kring kring

russo – Алло?
suono del telefono – дзынь

francese – Allô ?
suono del telefono – dring dring

tedesco – Hallo?
suono del telefono – klingeling

spagnolo – ¿Diga?
suono del telefono – rin rin

portoghese – Alô?
suono del telefono – trim trim

danese – Det’ + name
suono del telefono – dingeling

norvegese – Hallo
suono del telefono – ring ring

svedese – Hallå?
suono del telefono – ring ring

olandese – Met + name
suono del telefono – tring tring

E sapete qual era il saluto suggerito dalle prime guide telefoniche per chiudere una conversazione? Un semplice “That is all” (questo è tutto).

Vuoi approfondire lo studio delle lingue?
Prova ora
Author Headshot
John-Erik Jordan
John-Erik Jordan è nato a Los Angeles, California. Dopo aver studiato arte alla Cooper Union di New York ha lavorato come tecnico del montaggio a Los Angeles, per poi dedicarsi alla scrittura. Da quando si è trasferito a Berlino nel 2009 ha scritto per PLAYBerlin, Hebbel-am-Ufer e altre pubblicazioni online. Dal 2014 scrive anche articoli sulle lingue per Babbel.
John-Erik Jordan è nato a Los Angeles, California. Dopo aver studiato arte alla Cooper Union di New York ha lavorato come tecnico del montaggio a Los Angeles, per poi dedicarsi alla scrittura. Da quando si è trasferito a Berlino nel 2009 ha scritto per PLAYBerlin, Hebbel-am-Ufer e altre pubblicazioni online. Dal 2014 scrive anche articoli sulle lingue per Babbel.

Articoli che ti potrebbero interessare

9 proverbi sui gatti in 11 lingue diverse

9 proverbi sui gatti in 11 lingue diverse

In questo video, due gatti molto furbi -Cool Cat e Fat Cat- condividono i proverbi sui felini che hanno sentito dire dai loro amici umani.
Perché l’età non è una barriera allo studio delle lingue

Perché l’età non è una barriera allo studio delle lingue

Ora sappiamo che lo studio può cambiare il nostro cervello anche dopo solo poche sessioni e che più a lungo si va avanti, più potente sarà l’effetto.
Come viene chiamata la “@” nel mondo?

Come viene chiamata la “@” nel mondo?

La usiamo tutti i giorni nella posta elettronica chiamandola “chiocciola”. Ma come si chiamerà nel resto del mondo?