Che lingua vuoi imparare?Right Arrow
Impara una lingua quando e dove vuoi

Come usare gli intercalari tedeschi in modo naturale

Gli intercalari in tedesco non sono solo sequenze di suoni “vuoti”, anzi, spesso aiutano il ritmo del discorso e danno a chi parla il tempo di pensare.
Come usare gli intercalari tedeschi in modo naturale

L’inizio di un anno nuovo porta con sé una ventata di buoni propositi e, tra i primi, svetta sempre il desiderio di imparare qualcosa di nuovo. Sappiamo bene, però, che quello che il primo gennaio, dopo svariati bicchieri di spumante, sembra stimolante e avvincente, quando arriva il momento di fare sul serio, può tramutarsi in intimidazione. Questo vale anche per l’apprendimento di una nuova lingua – a maggior ragione se si tratta del tedesco: il desiderio di sfoggiare le lunghissime parole imparate, l’uso corretto del dativo o del genitivo, cede puntualmente il passo al timore di commettere errori o di sembrare inadeguate o inadeguati. La cosa positiva è che per questi momenti ci sono delle parole speciali, gli intercalari tedeschi, o “Füllwörter”.

Queste sequenze di suoni (parole, intere espressioni, interiezioni, esclamazioni) sono parte integrante della lingua tedesca: suoni come “ähm” (“um”), “genau” (“appunto/esatto”) o “sozusagen” (“per così dire”) vengono inseriti nei discorsi dai parlanti madrelingua in maniera automatica e irriflessa… un po’ come i tanto amati “allora” o “cioè” della lingua italiana.

A causa della loro marcata caratteristica di emissione, quasi sempre automatica, hanno spesso una cattiva reputazione e in sociolinguistica vengono classificati come “tic linguistici”. Tuttavia, se imparerete ad usare gli intercalari con furbizia, si riveleranno un ottimo escamotage per aiutarvi a risolvere alcuni problemi linguistici o a esprimere meglio i vostri pensieri nel corso di una conversazione. In più, se desiderate imparare il tedesco, è fondamentale passarli in rassegna e conoscerli, dato che non esiste conversazione in questa lingua esente da intercalari. In questo modo, avrete un motivo in più per apprezzare nuove sfumature della lingua e anche voi sembrerete più autentiche o autentici nelle vostre future conversazioni in lingua tedesca.

Che cosa sono gli intercalari e che cos’hanno in comune con le frasi fatte? 

Gli intercalari, conosciuti anche come “parole riemptive”, sono parole che non veicolano un particolare contenuto dal punto di vista semantico. Come per le frasi fatte, gli intercalari sono pleonastici e non sono necessari per la comprensione del contesto. In generale, vengono usati per lo più nel linguaggio parlato, in riferimento a frasi intere. Contrariamente a molte opinioni, possono contribuire a rendere un pensiero più fluido e naturale, ma ne parleremo più avanti.

Quando si usano gli intercalari in tedesco?

Oltre ai normali intercalari, in linguistica si parla anche di particelle che possono fungere come tali. Forse avrete già sentito parlare delle “Modalpartikeln” o “Abtönungspartikeln”(particelle modali) come ad esempio, “halt”, “ja” o “doch” – utilizzate per enfatizzare il modo in cui si desidera che la frase venga percepita. Tuttavia, il loro uso dipende sempre dal contesto e, infatti, i loro significati sono molto variabili e difficili da tradurre. Rispetto ad altre lingue, come il francese o l’inglese, il tedesco ha un numero di intercalari piuttosto ridotto.

Queste parole sono parte integrante del linguaggio tedesco, perché riflettono la natura spontanea e autentica del discorso e rendono le conversazioni più vivaci, rispetto a forme più programmate e meno spontanee della produzione scritta. Per questo motivo, se volete sembrare autentici mentre parlate in tedesco, ecco un elenco degli intercalari tedeschi più usati.

I 10 intercalari tedeschi più usati

Questo elenco introduce gli intercalari tedeschi più diffusi, spiegandoli con un esempio mirato. I loro usi sono molteplici e variano da contesto a contesto. Come anticipato in precedenza, per quanto riguarda la traduzione delle particelle modali come “ja”, “doch”, “halt”, “mal”, è importante tener presente che la loro traduzione in italiano può risultare alquanto ostica. Infatti, nella lingua italiana non sono presenti e spesso non esiste una traduzione corrispondente, il significato viene veicolato in altri modi (ad esempio, nella lingua parlata, attraverso l’intonazione).

1. Also (così, allora)

Se si vuole continuare un ragionamento interrotto, in tedesco si usa spesso “also”, che significa “così, allora”. In alternativa, può essere usato per rafforzare delle affermazioni o delle domande.

Esempio: Also ich denke, dass wir etwas in der Küche ändern sollten. (Allora, credo che dovremmo cambiare qualcosa in cucina.)

2. Doch (mica, ma)

“Doch” (che vuol dire “mica”, “ma”… però dipende molto dal contesto) è uno degli intercalari in tedesco più frequenti e viene utilizzato per enfatizzare o rafforzare un’affermazione. Spesso si usa quando si vuole negare a priori l’affermazione di un’altra persona, esprimendo il proprio disappunto o la propria impazienza (attenzione: oltre ad essere una particella modale può fungere anche da avverbio o congiunzione).

Esempio: Du kannst doch nicht einfach Blumen aus dem Stadtpark klauen! (Non si possono mica rubare i fiori dal parco cittadino!)

3. Eigentilich (in realtà, proprio)

“Eigentlich” è una parola riempitiva che si può usare quando si vuole esprimere il proprio pensiero senza sembrare troppo diretti. Si può usare “eigentlich” (che vuol dire “in realtà”, “proprio”) nelle frasi interrogative, per sottolineare una certa simpatia verso qualcosa o nelle affermazioni in cui si rimprovera qualcuno. “Eigentlich” è anche un’ottima alternativa se si vuole esprimere con più veemenza un pensiero nella conversazione, un po’ come “actually” in inglese.

Esempio: Warum hast du eigentlich nie zurückgerufen? (Perché non hai mai richiamato? – qui viene sottolineato che, probabilmente, la persona con cui si parla aveva promesso di farlo)

4. Genau (esatto)

Come per gli altri intercalari in tedesco, l’utilizzo di “genau” (“esatto”) dipende interamente dal contesto. Si usa di frequente per avvalorare esplicitamente l’affermazione di un’altra persona.

Esempio: So ist es doch, oder? – Genau. Ja, so ist es. (È così, non è vero? Esatto. Sì, è così.)

5. Sozusagen (per così dire)

Anche “sozusagen” (“per così dire”) compare quasi sempre nel linguaggio parlato. Si usa come intercalare per relativizzare un’affermazione. Attenzione: “sozusagen“ si scrive tutto attaccato!

Esempio: Ja, die Katze hat ihr eigenes Kissen. Sie gehört jetzt ja sozusagen zur Familie. (“Sì, il gatto ha il suo cuscino. Ora fa parte della famiglia, per così dire.”)

6. Ja

“Ja” in qualità di intercalare, non può essere tradotto come un semplice “sì”, ma è da considerare come un rafforzativo utilizzato per esprimere la propria sorpresa o il proprio accordo su qualcosa. Nel caso in cui si voglia avvertire qualcuno o segnalare un’urgenza, “ja” può essere l’intercalare più adatto. Si può anche scegliere per sottolineare che una cosa è ovvia.

Esempio: Lass mich ja nicht wieder so lange warten! Es ist wirklich kalt draußen. (Non farmi aspettare ancora così tanto! Fuori fa davvero freddo.)

7. Einfach (semplicemente, banalmente)

Se si vuole ribadire che non è necessario aggiungere altro a una questione, o sottolinearne la semplicità, lo si può fare con “einfach” (“semplicemente”, “banalmente”). Questo intercalare può anche essere usato per dare risalto emotivo alle esclamazioni.

Esempio: Es ist einfach so. (È semplicemente così.)

8. Halt (proprio)

Ecco un’altra parolina tedesca dai mille usi. Come intercalare, “halt” (“proprio”, “e basta”) può esprimere che qualcosa è molto ovvio, immutabile o banale. Succede che venga usato anche per esprimere rassegnazione.

Esempio: “Er ist halt so! Pünktlichkeit gehört nicht zu seinen Stärken.“ (“È proprio così! La puntualità non è uno dei suoi punti di forza.”)

9. Vielleicht (forse)

Se volete esortare una persona, potete usare “vielleicht” (“forse”) all’inizio del discorso per caricare emotivamente la vostra intenzione. Ma attenzione: l’enfasi qui fa la differenza! A seconda di come si enfatizza l’intercalare, può assumere un tono molto minaccioso e sembrare meno amichevole per la persona a cui vi state rivolgendo (come nel secondo esempio che trovate qua sotto).

Esempio 1: Ich war vielleicht aufgeregt, als sie mich an der Bar angesprochen hat. (Forse ero emozionato/a quando mi ha approcciato/a al bar.)

Esempio 2: Vielleicht stellst du dich mal lieber in der Schlange an! (Forse è meglio che ti metta in fila!)

10. Quasi (in un certo senso)

Se il contenuto di un’affermazione deve essere in qualche modo ammorbidito, “quasi” (“in un certo senso”, “praticamente”; occhio, si pronuncia: “qvasi”) viene spesso utilizzato come intercalare.

Esempio: Ich habe quasi mit dieser Torte ein neues Kunstwerk erschaffen! (Con questa torta ho praticamente creato una nuova opera d’arte!)

Ma attenzione: quasi tutti gli intercalari tedeschi possono assumere più di una funzione grammaticale ed essere usati anche come congiunzioni o avverbi: in questi casi, non possono essere omessi e non possono più essere considerati come intercalari! Ad esempio:

Nach einigen Überlegungen konnte ich mich doch erinnern. (Qui “doch” ha il valore di avverbio: “Dopo alcune riflessioni, tuttavia, sono riuscito a ricordare”.)

Das wäre einfach. (qui “einfach” ha il valore di aggettivo: “Questo sarebbe facile”)

Der eigentliche Grund ist, dass ich Pizza mit Ananas echt eklig finde. (Qui “eigentlich” ha il valore di avverbio: “Il vero motivo è che trovo la pizza con l’ananas davvero disgustosa.”)

Esempi di intercalari tedeschi che non sono parole vere e proprie

Alcuni intercalari in tedesco non si trovano nemmeno nel dizionario. Da un punto di vista linguistico non sono affatto parole, ma solo suoni o sillabe irriflesse che ricorrono nel flusso di un discorso. L’aspetto positivo è che possono essere allungati o accorciati, adattandosi perfettamente alla lunghezza della pausa desiderata. Ecco alcuni esempi:

1. Ähm

Esempio: Ähm, ich glaube, ich habe den Einkaufswagen verwechselt. (Ehm, credo di aver confuso il carrello della spesa.)

2. Äh

Esempio: Ähhh nee, ich war letzte Woche nicht im Berghain. Ich glaube, du verwechselst mich. (Uhhh no, non ero al Berghain la settimana scorsa. Credo che tu mi abbia confuso/a.)

3. Hm

Esempio: Hm, das sagt mir leider nichts. (Mm, temo che questo non mi ricordi nulla.)

4. eh 

Esempio: Sie kommen eh zu spät. (Arriveranno comunque in ritardo.)

5. Mhhhh

Esempio: Mhhh, ja, das könnte zeitlich passen. (Mhhh, sì, potrebbe andare bene con le tempistiche.)

Anche questi piccoli intercalari variano da lingua a lingua. Il modo migliore per impararli nella lingua di destinazione è ascoltare le persone mentre parlano nella vita di tutti i giorni o guardare serie e film nella lingua che si vuole imparare.

4 consigli per chi preferisce evitare gli intercalari tedeschi

Sebbene i vantaggi degli intercalari siano ovvi, la loro reputazione non è granché positiva. Innumerevoli guide affermano che sarebbe il caso di eliminarli il più presto possibile dal linguaggio.

Chiaramente, abusare di queste parole non renderebbe giustizia alla ricchezza della lingua tedesca, dunque, soprattutto nel linguaggio scritto, può essere d’aiuto esaminare e dosare l’uso di intercalari o eliminarli del tutto, almeno in contesti formali. Questi suggerimenti possono aiutarvi a evitare di utilizzare troppi intercalari:

💡 Imparate ad autoanalizzarvi

Se vi sembra di usare troppi intercalari nelle vostre conversazioni, può essere utile chiedere alle persone con cui state parlando quali sono le loro percezioni. In alternativa, potete registrarvi mentre parlate per vedere quali intercalari sarebbe meglio evitare.

💡 Prestate attenzione alla respirazione

Una respirazione consapevole e il parlare più lentamente possono aiutarvi a evitare intercalari o frasi fatte.

💡 Usate le pause con giudizio

L’uso consapevole delle pause linguistiche può aiutare a sciogliere la tensione e a prevenire l’impiego di intercalari. Anche in questo caso, tutto dipende da un buon dosaggio, perché troppe pause e troppo lunghe potrebbero risultare piuttosto fastidiose.

💡 Fate frasi brevi

L’uso di frasi lunghe e arzigogolate può far perdere nel giro di poco il filo del discorso con il conseguente ingresso in scena di una marea di intercalari, cosa che invece non succederebbe con l’uso di frasi più concise e pensate.

L’impiego eccessivo e continuo di “ähm, äh, genau” o di altri intercalari in certi contesti può risultare inopportuno, non c’è dubbio. Ciononostante, se usati con moderazione, possono essere un utile appiglio, dato che sono tra le migliori stampelle linguistiche e possono aiutare a tenere in piedi le conversazioni, evitando di interromperle. Per concludere, conoscere un buon numero di intercalari della lingua che state imparando vi aiuterà a esprimervi in modo chiaro e scorrevole, soprattutto se in certi momenti vi sfuggono delle parole.

Altri 35 intercalari tedeschi molto comuni e utili

Se vi è venuta voglia di usare più intercalari in tedesco, in questa lista troverete altri esempi per non annoiare nessuno durante le vostre prossime conversazioni.

  • echt (veramente)
  • einfach (semplicemente)
  • endlich (finalmente, alla fine)
  • etwa (all’incirca, indicativamente)
  • fast (quasi)
  • folgendermaßen (così, come segue)
  • ganz und gar (appieno, di tutto punto)
  • gar (proprio)
  • genau (precisamente, appunto)
  • gerade (appena, proprio)
  • gewissermaßen (in un certo senso)
  • ich glaube (credo)
  • ich sage mal (dico)
  • im Prinzip (in linea di massima)
  • immer (sempre)
  • in etwa (tra circa)
  • in gewisser Weise (in un certo senso)
  • irgendwie (in qualche modo)
  • irgendwo (da qualche parte)
  • letzten Endes (dopotutto)
  • letztendlich (alla fin fine)
  • mal (su – inteso come esortativo)
  • man könnte sagen (si potrebbe dire)
  • manchmal (talvolta, a volte)
  • nun (appunto)
  • nur (solo)
  • schon (già)
  • sicher (sicuramente)
  • sogar (perfino)
  • sonst (altrimenti, se no)
  • wirklich (in realtà, davvero)
  • wohl (certamente)
  • ziemlich (piuttosto)
  • überhaupt (affatto, assolutamente)
  • übrigens (tra l’altro, del resto)
Vuoi migliorare il tuo tedesco, davvero?
Jessica Olbrich
Jessica ha vissuto in Spagna per qualche tempo, dove ha scoperto il suo amore per la lingua spagnola. In seguito, si è trasferita a Berlino per frequentare un master in Media e comunicazione. Tra le sue attività preferite del weekend i mercatini delle pulci sono un highlight assoluto. Se non la trovi lì è perché probabilmente sta proseguendo la sua ricerca del gelato più buono della città.
Jessica ha vissuto in Spagna per qualche tempo, dove ha scoperto il suo amore per la lingua spagnola. In seguito, si è trasferita a Berlino per frequentare un master in Media e comunicazione. Tra le sue attività preferite del weekend i mercatini delle pulci sono un highlight assoluto. Se non la trovi lì è perché probabilmente sta proseguendo la sua ricerca del gelato più buono della città.

Articoli che ti potrebbero interessare

Come si chiamano gli animali in tedesco?

Come si chiamano gli animali in tedesco?

Ok, avevamo bisogno di una buona scusa per usare una foto pucciosa.
5 consigli per imparare il tedesco (da parte di un’italiana che ci sta provando)

5 consigli per imparare il tedesco (da parte di un’italiana che ci sta provando)

Volete imparare il tedesco ma siete alle prime armi e non sapete da dove iniziare? Ecco i consigli di un’eterna studentessa (italiana) che ce la sta mettendo davvero tutta!
Guida ai segni di punteggiatura tedesca

Guida ai segni di punteggiatura tedesca

Una lista delle principali regole da seguire per utilizzare correttamente la punteggiatura in tedesco: in bocca al lupo!