Viaggio nell’Italia in minoranza: lingue che scompaiono

Un viaggio attraverso i luoghi d’Italia dove si parla ancora il walser, l’occitano, il tabarchino, l’arbëreshë, il grico. Volete partire assieme a noi?
23/08/2019

Negli ultimi 500 anni, è scomparsa la metà delle lingue parlate nel mondo. Oggi ce ne sono circa 2500 sull’orlo dell’estinzione ed entro la fine del secolo, un’ulteriore metà sprofonderà per sempre nell’oblio.
Questi sono i dati emersi dagli studi di uno dei più importanti linguisti sulla scena mondiale, il britannico David Crystal; dati supportati da alcune ricerche dell’UNESCO, che hanno rilevato che negli ultimi dieci anni è scomparsa una lingua ogni quattordici giorni, in media. Dati inquietanti, incredibilmente dimenticati, poco noti e poco raccontati dai media.
Questo ha dato il via alla ricerca narrativa della redazione di CTRL magazine, rivista di reportage italiana, che racconta fa delle storie laterali, poco note e “fuori dai radar” il centro della sua linea editoriale.
La ricerca ha preso forma in un libro-reportage, “Stiamo scomparendo – Viaggio nell’Italia in minoranza”, dedicato ai luoghi d’Italia dove la lingua madre non è l’italiano.

Il libro-reportage, con testi e foto, si può acquistare qui.

CTRL magazine ha mandato Emanuela Colombo, fotografa e videomaker, nelle terre d’Italia dove ancora oggi si parla il walser, l’occitano, il tabarchino, l’arbëreshë, il grico: il viaggio è partito dalle pendici del monte Rosa ed è terminato in Salento. Sulle orme della fotografa, si sono mossi cinque scrittori che in questi stessi territori hanno passato diversi giorni, confondendosi con la popolazione locale, facendosi raccontare le storie di vita quotidiana, andando ad ascoltare con le proprie orecchie i suoni di queste lingue antiche che ancora resistono, per quanto a fatica e spesso grazie all’eroismo di illustri sconosciuti.

Non si tratta di folclore. Né di passatismo o di interesse linguistico-accademico. Si tratta di un viaggio in luoghi appartati che raccontano, concretamente, quanta diversità, quanta ricchezza, quanta umanità si perde quando una lingua scompare.

Prima puntata: OCCITANO
Seconda puntata: TABARCHINO
Terza puntata: WALSER
Quarta puntata: ARBËRESHË
Quinta puntata: GRICO

Vuoi partire assieme a noi?
Author Headshot
CTRL Magazine
CTRL è un magazine di reportage narrativo e fotografico. Si occupa di storie fuori dai radar.
CTRL è un magazine di reportage narrativo e fotografico. Si occupa di storie fuori dai radar.

Articoli che ti potrebbero interessare

Lingue italiane che scompaiono: l’occitano

Lingue italiane che scompaiono: l’occitano

L’occitano è una lingua senza patria. O meglio, è una lingua che una patria ce l’ha da quasi un millennio, ma non è mai esistita burocraticamente o sulle carte geografiche: si chiama Occitania e si estende dai Pirenei – al confine tra Francia e Spagna – fino alle Alpi italiane.
Lingue italiane che scompaiono: il tabarchino

Lingue italiane che scompaiono: il tabarchino

Il tabarchino è una lingua che ha viaggiato per mare, che si è arricchita di contaminazioni e che oggi viene parlata solo in due centri insulari della Sardegna.
Lingue italiane che scompaiono: il walser

Lingue italiane che scompaiono: il walser

Nel medioevo fu la lingua parlata dagli uomini più “alti” delle Alpi, capaci di spingersi dove la maggior parte della gente riteneva che abitassero solo demoni e animali più mostruosi. Attorno a quei pendii, ancora oggi si possono sentire le ultime testimonianze del walser, un fossile raro e immutato da secoli.