Che lingua vuoi imparare?Right Arrow

Non confondere i turisti… al ristorante

Essere gestori o proprietari di un ristorante può portare a dei malintesi con i clienti se non siete proprio ferrati nelle lingue! Ecco tutte le occasioni in cui sarebbe meglio comunicare con i vostri ospiti.
video thumbnail
  • Quando un cliente vuole un cocktail molto complicato e vi spiega la ricetta in danese.
  • Quando un cliente è allergico a qualcosa e ve lo comunica in russo (e a cena assume un colorito violaceo e inizia a tossire tenendosi la gola).
  • Quando dovete decifrare i selvaggi suoni gutturali che i clienti emettono per pronunciare cose semplici come “bruschetta”, “gnocchi”, “prosciutto”.
  • Quando dovete spiegare che non accettate carte di credito a dei clienti che fanno finta di non capire non capiscono.
  • Quando qualcuno vi chiede di organizzare una grigliata di ferragosto ma vuole iniziare a mangiare alle 5 e voi non sapete come spiegargli che quella non è neanche l’ora dell’aperitivo.
  • Quando NO, per l’ennesima volta, il cucchiaio con gli spaghetti NO!
  • Quando piuttosto di mettere l’ananas sulla pizza, andreste volentieri a farvi devitalizzare un dente.
  • Quando diventa una questione d’onore far comprendere al turista austriaco che lo spritz è italiano (e se ne faccia anche una ragione).
  • Quando volete organizzare un workshop di marmellate ma non sapete come si scrive workshop (e non siete neanche sicuri del suo significato).
  • Quando i turisti vi chiedono di mangiare la pasta “Alfredo” e voi volete trovare il modo appropriato per prenderli in giro nella loro lingua.
  • Quando si lamentano perché la pizza margherita è senza topping e voi non capite bene.
  • Quando NO, il cappuccino dopo pranzo NO.
  • Quando vi chiedono un “latte” e voi portate loro un bicchiere di latte caldo (e che altro?)
Parla la lingua dei tuoi ospiti!
Giulia Depentor
Giulia Depentor è una scrittrice appassionata di cronaca nera, alberi genealogici e epoche che non ha vissuto. Nel tempo libero, suona l'ukulele e colleziona fotografie ingiallite di persone che non conosce.
Giulia Depentor è una scrittrice appassionata di cronaca nera, alberi genealogici e epoche che non ha vissuto. Nel tempo libero, suona l'ukulele e colleziona fotografie ingiallite di persone che non conosce.

Articoli che ti potrebbero interessare

Cosa abbiamo imparato rispondendo alla guerra in Ucraina

Cosa abbiamo imparato rispondendo alla guerra in Ucraina

Dopo mesi dal lancio dei corsi per gli studenti ucraini, Babbel riflette sull’importanza della lingua nei periodi di crisi.
10 proverbi brasiliani molto utili

10 proverbi brasiliani molto utili

Arricchendo la vostra conoscenza del portoghese con qualche proverbio, riuscirete a parlare in maniera più spontanea.
Breve storia della musica afroamericana

Breve storia della musica afroamericana

Insieme a una dettagliata playlist, questo articolo esplora come la musica nera abbia guidato l’industria musicale che ascoltiamo e amiamo ancora oggi.