Parla le lingue come hai sempre sognato

Parla le lingue come hai sempre sognato

Prova una lezione. La prima di ogni corso la offriamo noi.

Che differenze ci sono tra lo spagnolo parlato in Spagna e quello dell'America Latina?

Esistono differenze significative tra lo spagnolo latinoamericano e quello comunemente parlato in Spagna? La lingua cambia davvero da un paese all'altro? Per svelare questo mistero ci siamo rivolti a sei madrelingua, ognuno proveniente da una differente nazione del mondo ispanico.

L’Impero coloniale spagnolo ha lasciato dietro di sé quello che potremmo chiamare un vero “minestrone linguistico”, ma le differenze non sono affatto un male, bensì una ricchezza! Andiamo dunque nello specifico e vediamo un po’ le piccole e grandi discrepanze tra le varietà di spagnolo parlate in Argentina, Colombia, Messico, Porto Rico, Repubblica Dominicana e Spagna.

Accento e pronuncia

Forse credete che lo spagnolo suoni sempre uguale e venga parlato allo stesso modo in ogni parte del mondo; in realtà, basta affinare l’udito per notare le numerose particolarità locali.
In Spagna, ad esempio, la “Z” suona come il ”θ” (al nostro orecchio, praticamente, una sorta di “th” inglese, ma particolarmente marcato); lo stesso accade con la lettera “C”, almeno quando questa è seguita da “E” o “I”.
In America Latina, al contrario, la “Z” si pronuncia sempre come una “S”, così come accade per la “C” davanti ad “E” o “I”.

E non è tutto… i madrelingua nati e cresciuti al sole dei Caraibi o del sud della Spagna, infatti, hanno un modo tutto loro per articolare la “R”: la prendono e la ammorbidiscono, fino a trasformarla in una più soave “L”!

In alcune zone dell’Argentina e dell’Uruguay, invece, la “LL” di parole come llamar, lloro e lluvia non si pronuncia mai come la “Y” della parola “yacht” (come invece avviene in Spagna e nel resto dell’America Latina), bensì come la “SC” della parola “fascia”.


Grammatica

Nella lingua spagnola, come in quella del Bel Paese, esiste una forma di cortesia, l’USTED (equiparabile al nostro “Lei”), ed una forma informale, il TÚ (identico al suo omonimo italiano, ma con l’accento acuto). Il TÚ è, per così dire, internazionale; viene infatti usato quasi ovunque nei diversi paesi di lingua spagnola.
Al contrario, solo in Spagna esiste una differenza anche tra la forma informale (il VOSOTROS) e quella di cortesia (l’USTEDES) della seconda persona plurale (entrambe rese con il “Voi” italiano).
In America Latina, al contrario, si utilizza indistintamente l’USTEDES.

In Spagna
¿Vosotros tenéis ganas de salir?
(Voi avete voglia di uscire?)

In America Latina
¿Ustedes tienen ganas de salir?
(Voi avete voglia di uscire?)

Nei due continenti si usano inoltre tempi verbali diversi per riferirsi al passato.

In Spagna
Hoy no he desayunado.
(Oggi non ho fatto colazione.)

In America Latina
Hoy no desayuné.
(Oggi non ho fatto colazione.)


Salutarsi

Quando siete all’estero e vi capita di dover salutare una persona, imparate le usanze e l’etichetta del posto prima di fare una figuraccia! Eviterete così situazioni imbarazzanti o di mancare di rispetto a qualcuno, ovviamente senza volerlo!

In Spagna
Donne: salutano tutti, indistintamente, con due baci, uno su ogni guancia.
Uomini: salutano le donne con due baci, uno su ogni guancia. Agli uomini invece è riservata la stretta di mano.

In Messico ed in Colombia
Donne: salutano tutti, indistintamente, con un bacio sulla guancia.
Uomini: salutano le donne con un bacio sulla guancia. Agli uomini invece offrono una stretta di mano.

In Argentina
Tutti, sia uomini che donne, sono soliti salutarsi con un bacio sulla guancia.



Vocabolario

A seconda del paese in cui vi trovate, è bene poi fare attenzione a diverse particolarità lessicali: parole diverse, spesso, si usano difatti per denominare gli stessi oggetti…

“Autobus”
Spagna = autobús
Colombia = bus
Messico = camión
Porto Rico & Rep. Dominicana = guagua
Argentina = colectivo

“Penna”
Spagna = bolígrafo o semplicemente “boli”
Messico = pluma
Colombia = esfero
Argentina = lapicera

“Appartamento”
Spagna = piso
America Latina = departamento o apartamento

“Cellulare”
Spagna = móvil
America Latina = celular

“Computer”
Spagna = ordenador
America Latina = computadora o computador

… o riferirsi a medesime situazioni…

“Avere i postumi di una sbornia”
Spagna = tener resaca
Messico = tener cruda
Colombia = tener guayabo
Cile = tener caña

e ci sono poi, naturalmente, modi di esprimersi particolari:

“Che figata”
Spagna = esto mola
Messico = está chido
Repubblica Dominicana = eto tá
Porto Rico = está chévere
Colombia = está bacano

Che voi vogliate imparare lo spagnolo per poi salpare alla volta delle Americhe o siate, invece, interessati ad un giro della Spagna, non ha nessuna importanza, potete iniziare a farlo subito!

Clicca qui ed impara con Babbel