Parla le lingue come hai sempre sognato

Parla le lingue come hai sempre sognato

Prova una lezione. La prima di ogni corso la offriamo noi.

Le mie 8 parole preferite in portoghese

La lingua portoghese è famosa per la sua eleganza e la sua cadenza morbida e seducente: ecco alcune parole che, secondo noi, ne trasmettono al meglio la magia.

Ogni volta che ascolto una canzone brasiliana mi viene voglia di andare al mare, di sedermi a guardare l’orizzonte con struggimento, di affondare le dita nella sabbia e di stare lì a pensare a qualcosa di lontano, con l’anima in subbuglio tra nostalgia, commozione e malinconia.
I miei cugini di Rio de Janeiro utilizzerebbero una sola parola per descrivere questa poetica situazione: “saudade”.
Il vocabolo, infatti, è così evocativo e ricco di significato che non può essere spiegato se non utilizzando una lunga perifrasi, esattamente come ho fatto io.

La lingua portoghese mi ha sempre profondamente affascinato: sarà per la sua cadenza morbida e seducente, sarà perché adoro il modo in cui alcune "d" si trasformano in un suono sfuggente che ricorda il suono delle onde che si infrangono sulla sabbia di Copacabana, sarà perché una parte consistente della mia famiglia vive in Brasile… non so definire con parole precise questa infatuazione. Il modo migliore che possiedo, probabilmente, è quello di condividere con voi alcune tra le mie parole portoghesi preferite, spiegandovene il significato e iniziando proprio da quella che vi ho già anticipato: saudade.


Saudade

Il vocabolo saudade fa parte di una lista di parole molto speciali poiché intraducibili.
Alcuni la definiscono come l’"amore che rimane", cioè la nostalgia per qualcuno o qualcosa di molto caro che non è presente in quel momento. Altri optano per un significato più complicato e lo collegano al sentimento melancolico che si prova nei confronti di qualcosa che non è ancora stato vissuto.

Cafuné

Anche la parola cafuné rientra nella categoria delle parole intraducibili e il suo reale significato è ancora più tortuoso: con cafuné infatti viene indicata l’azione molto tenera di passare le dita tra i capelli della persona amata.


Xodó

E per continuare sulla scia del romanticismo, xodó viene utilizzato come vezzeggiativo, non solo per le persone ma anche per gli oggetti inanimati: non stupitevi, quindi, se sentirete qualcuno definire un’automobile la sua xodó (bambina).
Alla fine, se ci pensate bene, il vero amore non ha confini!
Certo… fare un po’ di cafuné ad un’automobile è un altro paio di maniche…

Moleque

Con moleque si è soliti indicare un ragazzo giovane, a volte scapestrato, a volte semplicemente viziato… in altre parole, quello che noi italiani chiameremmo un ragazzaccio!


Cabeleireiro

Cabeleireiro non indica un ballo caraibico (chissà perché è stata la prima cosa che ho pensato quando ho sentito questo vocabolo) bensì un semplice… parrucchiere. Eppure non riesco a togliermi dalla testa l’immagine di un tizio che mi taglia i capelli scatenandosi in un ballo indiavolato!

Azulejo

E passiamo ora a una parola piuttosto conosciuta: azulejo.
Non vi dice nulla? Allora concentratevi un attimo e fatevi venire in mente una foto di una qualsiasi città portoghese… scegliamo qualcosa di veramente famoso e optiamo per Lisbona! Sì… state visualizzando le case e i muri rivestiti di mattonelle quadrate azzurre e il meraviglioso effetto che la loro ceramica smaltata dà alle strade e a tutta la città: ecco, quelli sono proprio i famosi azulejos.
Ora perdetevi a leggere e interpretare le storie che raccontano…


Cachoeira

Cachoeira. Provate a dirlo tante volte e piano piano il suono della vostra voce vi farà venire in mente il rumore dell’acqua che cade dalle rocce e si tuffa con fragore nel fiume.
Non a caso: questo vocabolo significa proprio "cascata" e a me sembra una delle più belle parole onomatopeiche della lingua portoghese.

Melancia

E adesso che ne dite di una bella fetta di melancia?
L’anguria -o cocomero- in portoghese si chiama proprio così e, non so come mai, a me fa venire in mente la storia di Marcel Proust che assaggia la madeleine e fa un viaggio nel passato.
Sarà perché appena vedo melancia, la prima parola italiana che mi viene in mente è "malinconia"?
Quel che è certo è gusterò la mia fetta con moltissima saudade.

Perché non approfondire subito lo studio del portoghese?

Prova Babbel