5 suggerimenti molto specifici e molto utili per imparare lo spagnolo

State imparando lo spagnolo ma commettete sempre gli stessi errori? Non riuscite proprio a ricordare una regola particolare? Niente paura: la nostra Cristina di Madrid è qui per voi!
Author's Avatar
5 suggerimenti molto specifici e molto utili per imparare lo spagnolo

¡Hola! Se state leggendo questo articolo, vuol dire volete imparare lo spagnolo e io sarò più che felice di aiutarvi in questo fantastico viaggio di apprendimento!

Mi chiamo Cristina, vengo dalla Spagna, e cercherò di chiarire alcuni dubbi comuni agli studenti che si cimentano con lo spagnolo attraverso dei video che abbiamo creato a scopo educativo, ma anche per farvi divertire, mentre imparate la mia bella lingua.

¿Empezamos?

1) Scoprite come differenziare tra ser ed estar

Hola, soy Cristina. Estoy en Berlín.

Sì, sia ser che estar significano “essere” in Spagnolo, quindi come decidere quando usare l’uno o l’altro? Vediamo brevemente come coniugarli:

Pronome SER ESTAR
yo soy estoy
eres estás
él/ella/usted es está
nosotros/nosotras somos estamos
vosotros/vosotras sois estáis
ellos/ellas/ustedes son están

Mentre ser è usato per esprimere situazioni permanenti, estar è usato invece per condizioni temporanee. Usiamo ser per descrivere nazionalità, tempo, relazioni, occupazione e attributi personali. Estar viene invece utilizzato per luoghi, emozioni e situazioni temporanee.

Quindi, quando dovete usare “essere” in Spagnolo, chiedetevi prima: voglio esprimere qualcosa di permanente o un attributo personale, o è piuttosto qualcosa di temporaneo o relativo alle emozioni?

Soy optimista. Estoy contenta.

2) Iniziate col fare le domande giuste, e fatelo correttamente!

Come in ogni lingua, ci sono alcune parole in spagnolo che dovrete imparare per poter chiedere praticamente tutto. Queste parole sono:

qué che cosa
quién chi
dónde dove
cuándo quando
cómo come
cuánto/cuántos quanto/quanti

Dal chiedere quando e dove vi incontrerete con gli amici, a quanto costa un paio di occhiali da sole, tutto ciò di cui avete bisogno sono queste parole abbinate con i verbi appropriati.

3) Dire come vi sentite vi farà iniziare a parlare

Conoscere le risposte è altrettanto importante che imparare a fare le domande. I madrelingua spagnoli sono di solito molto loquaci, quindi dopo che avrete pronunciato il vostro nome e scambiato un paio di parole nella loro lingua, probabilmente vi verranno chieste un po’ di cose, iniziando con:

¿Cómo estás? ¿Qué tal? (Come stai? Come va?)

Condividere ed esprimere i sentimenti è qualcosa di “molto spagnolo” da fare. Le persone non hanno paura dell’eccesso di condivisione, quindi, non solo chiederanno a voi, ma sicuramente vi diranno anche come si sentono:

Estoy muy bien. Sto molto bene.
Bien, gracias. Bene, grazie.
Estoy muy emocionado. Sono molto emozionato (maschile).
Me siento un poco triste. Sono un po’ triste.
Estoy enfadada. Sono affamata (femminile).
Estoy fatal. Mi sento malissimo.

Come avete già imparato, il verbo estar può significare “essere” e, in questo caso, anche “sentire”.
¿Estás aprendiendo? (Stai imparando?)

4) Imparate a dire “No” e ad usare espressioni negative

Quando si esprime una negazione in spagnolo, no viene posto prima del verbo.

¿Vamos al cine? (Andiamo al cinema?)
No, no puedo. (No, non posso.)

Anche se vorremmo sempre rimanere positivi e dire di sì a tutto, a volte abbiamo bisogno di negare o rifiutare le cose, e per quelle occasioni le espressioni negative spagnole saranno sicuramente utili. E sì, come vedrete, la doppia negazione è grammaticalmente corretta in Spagnolo!

nadie – alguien – todos nessuno – qualcuno – tutti
nada – algo – todo niente – qualcosa – tutto
nunca – siempre mai – sempre

¿Quieres venir a la fiesta? (Vuoi venire alla festa?)
No tengo tiempo para nada. (Non ho tempo per niente.)
Nunca tengo tiempo. (Non ho mai tempo.)
Nadie tiene tiempo. (Nessuno ha tempo.)

Iniziate subito il vostro corso di spagnolo per principianti!

5) Padroneggiate la regola per l’uso di por o para (una volta por tutte)

Carissimi studenti di spagnolo, so che litigate molto con le parole por e para e sul quando usarle.
Por questo motivo (per questo), voglio provare a chiarire la regola, para que no cometas más errores (cosi non farete più errori).

Quando usare para: per parlare di obiettivi, scopi o destinazioni.
Quando usare por: per cause o ragioni di qualcosa, e per tempo e prezzi.

Ora vediamo alcuni esempi:

Leo por las noches.
Este regalo es para mi madre.
Estudio mucho para tener un buen trabajo.
Por este precio puedes comprarte otra cosa.
Para ir a Argentina tengo que ir en avión.

Domande? Usate le parole spagnole di cui vi ho parlato… e sarò felice di rispondere a tutte!

Vuoi parlare lo spagnolo come hai sempre sognato?
Ti aiutiamo noi offrendoti la prima lezione!

Articoli che ti potrebbero interessare

Gli Angeli, Buone Arie e Melograno: parole spagnole nei toponimi

Gli Angeli, Buone Arie e Melograno: parole spagnole nei toponimi

La nostra Valeria è partita per un lungo viaggio alla scoperta delle città nel mondo il cui nome rivela un’origine spagnola. Siete curiosi di sapere perché Buenos Aires e Las Vegas si chiamano proprio così?
Le parole e le espressioni italiane nello spagnolo di Buenos Aires

Le parole e le espressioni italiane nello spagnolo di Buenos Aires

Quanto è significativa l’influenza dell’italiano sul Lunfardo, il dialetto spagnolo parlato dagli argentini di Buenos Aires? Come nasce questa varietà di spagnolo e che ruolo ha giocato l’emigrazione europea nella storia della sua formazione? Irene ha risposto a tutte queste domande.
Lo spagnolo che somiglia all’italiano del sud

Lo spagnolo che somiglia all’italiano del sud

Pur non essendo così immediato come può sembrare, è innegabile che lo spagnolo assomigli molto alla nostra lingua. Alcune espressioni castigliane però, differiscono dall’italiano, ma non dall’italiano del sud.
Author Headshot
Cristina Gusano
Cristina Gusano Sanz ha imparato a parlare molto prima di camminare, e alcuni potrebbero confermare che da allora non ha mai smesso. Ha studiato storia dell'arte per poi specializzarsi in comunicazione, social network e marketing culturale. Vive a Berlino dal 2011 e si è unita al team di Babbel nel 2015. Preferisce scrivere lettere "alla vecchia maniera" alla sua famiglia e ad i suoi amici e le piace molto cantare mentre va in bicicletta. Seguimi su Twitter.
Cristina Gusano Sanz ha imparato a parlare molto prima di camminare, e alcuni potrebbero confermare che da allora non ha mai smesso. Ha studiato storia dell'arte per poi specializzarsi in comunicazione, social network e marketing culturale. Vive a Berlino dal 2011 e si è unita al team di Babbel nel 2015. Preferisce scrivere lettere "alla vecchia maniera" alla sua famiglia e ad i suoi amici e le piace molto cantare mentre va in bicicletta. Seguimi su Twitter.
Che lingua vuoi imparare?