Inglese: 10 insulti vecchio stile che meritano di tornare in voga

Quali parolacce, frasi e insulti inglesi capteresti se viaggiassi indietro nel tempo in un luogo dove si parla inglese?
Inglese: 10 insulti vecchio stile che meritano di tornare in voga

Gli insulti inglesi di oggi a volte possono essere piuttosto insipidi. Ogni tanto qualcuno eccelle ancora nell’arte della frecciatina, ma troppo spesso ci si affida a parolacce ed espressioni standard. Dopo aver esplorato gli insulti vintage in italiano, vi offriamo una panoramica di insulti vecchio stile in inglese, per permettervi di sfogarvi con classe anche in un’altra lingua.  E allora è arrivato il momento di esplorare gli insulti del passato, in inglese.

Difficile individuare una ragione specifica, ma gli insulti del passato sono molto più taglienti di quelli moderni. Sentire un personaggio che maledice qualcuno in Veep – Vicepresidente incompetente non ha lo stesso impatto di una singola battuta proferita da Dame Maggie Smith in Downton Abbey. Forse aspirare al suo livello è eccessivo, ma potete sicuramente ispirarvi al passato per collezionare insulti inglesi più originali.

Seguiteci, dunque, mentre viaggiamo indietro del tempo, esplorando un passato ricco di imprecazioni di ogni tipo. Abbiamo selezionato i 10 migliori insulti inglesi, che potete inserire qui è là, quando la conversazione si fa tesa.

Villain, I have done thy mother.

Significato: “Canaglia, io mi sono fatto tua madre.” 

Abbiamo deciso di esordire questa lista di insulti inglesi in grande stile con il re degli affondi più arguti: Shakespeare. Questo verso, contenuto in Tito Andronico, prova che le battute irrispettose sulla mamma non sono un’invenzione moderna.

È da più di 450 anni che le nostre povere madri sono il bersaglio di battute crudeli. Si meritano sicuramente di meglio, quindi ricordatevi di chiamare la vostra quando ritornate da questo viaggio.

Saddle-goose

Significato: sciocco

Più letteralmente, questo insulto inglese si traduce come “sella-oca”. Avete mai provato a sellare un’oca? Probabilmente no! È proprio il punto di questa espressione risalente al diciannovesimo secolo: sei sciocco, proprio come chi prova a sellare un’oca, un’azione piuttosto insensata.

Tuttavia, se fosse possibile sellare un’oca, immaginate quante cose si potrebbero fare. Potreste godervi una giornata alle corse di oche, sorprendere i vostri nemici caricandoli a dorso d’oca e inventare un nuovo sport olimpico.

Whiffle-whaffle

Significato: perditempo

Se vi trovate a passeggio nell’Inghilterra elisabettiana e vi accusano di essere un whiffle-whaffle, dovrete resistere all’impulso di saltar su e annunciare “Io non perdo tempo! Io viaggio nel tempo!”. Potrete ridacchiare internamente per un po’, ma è possibile che in seguito dobbiate rispondere ad alcune domande piuttosto serie.

Questa espressione ha fatto la sua comparsa nel sedicesimo secolo ed ha ancora senso se guardiamo alle definizioni di whiffle e waffle. Whiffle significa “sbuffo” o “folata”. Waffle indica “qualcosa di banale” (in inglese britannico) o “non riuscire a decidersi” (in inglese americano). Oltre che a indicare un delizioso dolce a cialda cotto sulla piastra.

Coxcomb

Significato: uomo vano e presuntuoso

Viaggiare attraverso i millenni e vedere sia il meglio che il peggio dell’umanità è un’esperienza educativa per qualsiasi viaggiatore nel tempo. Vi farà pensare meno a voi stessi e più al senso della vita, vi farà riflettere su come ci trattiamo a vicenda e vi spronerà a non concentrarvi su dettagli insignificanti.

O, forse, no.

Coxcomb, un termine che risale alla metà del sedicesimo secolo, è una versione di cockscomb (la cresta sulla testa del gallo). Visto che si riferisce a un uccello maschio, l’appellativo coxcomb fa solitamente riferimento a un uomo. Il cockscomb è anche il cappello indossato dal giullare di corte.

Driggle-draggle

Significato: Donna disordinata/sporca

Il periodo in cui questo termine veniva utilizzato – il sedicesimo secolo – non è esattamente noto per i suoi alti standard nel campo dell’igiene personale. Quest’espressione veniva dunque probabilmente utilizzata per descrivere una donna come disordinata o sporca in base ai canoni di quei tempi. Possiamo immaginare cosa questo significhi  e forse è meglio mettere da parte tali pensieri.

Oggi come oggi, il concetto sopravvive nel termine draggle, che significa “sporcare o bagnare qualcosa, solitamente trascinandola nell’acqua o nel fango”.

Fopdoodle

Significato: Sciocco e insignificante

Pensavate che questa lista di insulti inglesi contenesse una sola parola che significa “sciocco”? Siete proprio dei saddle-goose!

Quest’espressione risale agli inizi dell’Ottocento, quando era considerata decisamente maleducata, nonostante suoni piuttosto scherzosa. Oggi, un fop, che di per sé è un termine che risale al quindicesimo secolo, ha una definizione che si avvicina di più ad un altro termine presente sulla nostra lista: “un uomo eccessivamente vano e preoccupato dei suoi vestiti, della sua apparenza e delle sue maniere”. Insomma, un vero e proprio coxcomb.

Jelly-belly

Significato: persona grassa

Bisogna evitare di insultare qualcuno per il suo peso, ma il significato sociale delle rotondità nel diciannovesimo secolo, quando questa parola veniva utilizzata, era molto diverso se confrontato con quello dei giorni nostri. Sapevate che, in piena epoca vittoriana, uomini e donne della classe operaia assumevano tra le 3.000 e le 4.000 calorie? Ossia tra il 50 e il 100% in più della dose giornaliera raccomandata oggi. Erano avidi, questi vittoriani.

O forse no? Ciò non significa che fossero tutti jelly-belly.  Infatti due secoli fa le persone facevano molta più attività fisica, quindi all’interno della classe operaia essere sovrappeso era una cosa piuttosto rara.

Non tutti facevano parte della classe operaia ai tempi, naturalmente. Quindi se vi trovate a cenare con personaggi aristocratici come duchi o membri della famiglia reale, vedrete probabilmente tanti jelly-belly.

Grumbletonian

Significato: persona che brontola e che si lamenta in continuazione

Questo insulto ha fatto la sua comparsa in ambiente politico verso la fine del diciassettesimo secolo. 

In inglese il verbo grumble significa per l’appunto “lagnarsi”, “brontolare”. Il termine Grumbletonian dà l’idea di una persona che proviene dalla città di Grumbleton. O forse dalla città di Grumbleville? In ogni caso, ce lo immaginiamo come un posto in cui vivere sia abbastanza difficile:  i cittadini si lamentano del tempo anche quando c’è il sole, si lagnano dei treni anche se sono sempre in orario  e fanno tante storie per niente.

Dilberry maker

Significato: persona stupida o sciocca

L’equivalente moderno del termine dilberry maker potrebbe essere asshole (che concettualmente corrisponde a “st**nzo” in italiano, ma letteralmente significa “buco di c*lo”). 

Abbiamo trovato questa definizione consultando il “Dizionario della lingua volgare” (Dictionary of the Vulgar Tongue) del 1811, compilato da Francis Grose (un libro con un titolo che attira l’attenzione). Nel dizionario in questione, la definizione di dilberry maker è “didietro”, ossia un eufemismo per indicare le natiche o l’ano di una persona. Un’immagine piuttosto cruda, ma senz’altro efficace.

You have teeth so crooked you could eat corn on the cob through a picket fence.

Significato: “Hai i denti così storti che potresti mangiare una pannocchia di mais attraverso una staccionata.”

Non ci sono più le imprecazioni di una volta, eh? Oggi come oggi si fa fatica a trovare insulti fantasiosi e descrittivi tanto quanto questo, che proviene dagli Stati Uniti e, più di preciso, dal vecchio West del diciannovesimo secolo.

Ci siamo chiesti (ma non lo sapremo mai) se questa espressione è ispirata a un fatto accaduto veramente. Forse c’è stato davvero un tale Joe nel vecchio West che non aveva dei gran bei denti. Forse, e ripetiamo forse, una volta ha provato a mangiare una pannocchia di mais attraverso una staccionata. Perché? Boh, era stanco per il troppo tiro al bersaglio con la pistola e non aveva voglia di aggirarla? Ok, ci stiamo spingendo troppo in là con la fantasia. Semplicemente prendiamoci un momento per ammirare l’unicità e la specificità di questo insulto!

Imparare l'inglese con Babbel