Breve introduzione all’alfabeto inglese

Un buon modo per cominciare a imparare l’inglese? Imparare l’alfabeto e la sua pronuncia.
Foto di una mano che scrive la parola "English" su una lavagna

L’alfabeto inglese, come quello italiano, deriva dall’alfabeto latino.󠀲󠀨󠀤󠀡󠀧󠀥󠀳󠀰 Per questo motivo, spesso succede che venga affrontato superficialmente o addirittura saltato. In realtà, quando si impara una lingua è importante agire senza fretta, consolidando le basi in modo da poter proseguire l’apprendimento linguistico senza incertezze o lacune.

Non a caso, l’alfabeto rappresenta l’insieme degli elementi costitutivi di una lingua e la conoscenza delle singole lettere e della loro pronuncia vi aiuterà a sillabare le parole e ad avere una comprensione più ampia della lingua.󠀲󠀨󠀤󠀡󠀧󠀨󠀳󠀰 Insomma, non servono altri motivi per dare un’occhiata più da vicino all’alfabeto inglese quindi… let’s go!

L’alfabeto in inglese

󠀰Come accennato, l’alfabeto inglese si basa sulla scrittura latina ed è costituito da 26 lettere.󠀲󠀨󠀤󠀡󠀨󠀢󠀳 Per la precisione, fino agli anni ’30 del diciannovesimo secolo, ne contava 27. A quel tempo, anche l’ampersand (e commerciale “&”) ne faceva parte.

Oggi, l’alfabeto inglese è composto da 21 consonanti e cinque vocali (a, e, i, o, u).󠀲󠀨󠀤󠀡󠀨󠀤󠀳󠀰 Come in italiano, anche in inglese le lettere dell’alfabeto si distinguono in uppercase letters (lettere maiuscole) e lowercase letters (lettere minuscole).

La trascrizione fonetica

Per quanto le lettere siano identiche a quelle italiane, la pronuncia dell’alfabeto è molto diversa. Inoltre, anche all’interno della lingua inglese sono presenti importanti differenze tra la pronuncia britannica e quella americana.󠀲󠀨󠀤󠀡󠀨󠀩󠀳󠀰

Per aiutarvi a capire meglio alcune differenze di pronuncia, la tabella seguente riporta non solo i nomi delle lettere, ma anche le rispettive pronunce basate sulla trascrizione fonetica dell’alfabeto inglese secondo l’IPA (International Phonetic Alphabet) o, in italiano, AFI (Alfabeto Fonetico Internazionale).󠀲󠀨󠀤󠀡󠀩󠀠󠀳󠀰 L’IPA è il più importante sistema di scrittura alfabetico utilizzato per descrivere e rappresentare i suoni di quasi tutte le lingue nelle trascrizioni fonetiche.

Prima di guardare la tabella, ascoltate come si pronunciano le singole lettere dell’alfabeto inglese (la registrazione è stata effettuata da un madrelingua inglese).󠀲󠀨󠀤󠀡󠀩󠀤󠀳󠀰 Dopo essere entrati in confidenza con i suoni dell’alfabeto, provate a pronunciarlo a voce alta, riascoltandolo più volte per assimilare la pronuncia delle varie lettere.󠀲󠀨󠀤󠀡󠀩󠀥󠀳󠀰 Nella tabella potete osservare anche le differenze con la pronuncia americana.

ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ

LetteraNome Pronuncia britannicaPronuncia americana
A aay / ai/eɪ//eɪ/
B bbee/biː//biː/
C ccee/siː//siː/
D ddee/diː//diː/
E eey/iː//iː/
F fef/ɛf//ɛf/
G ggee/dʒiː//dʒiː/
H haitch/eɪtʃ//eɪtʃ/
I ii/ɑɪ//aɪ/
J jjay/dʒeɪ//dʒeɪ/
K kkay/keɪ//keɪ/
L lel/ɛɫ//ɛl/
M mem/ɛm//ɛm/
N nen/ɛn//ɛn/
O oo/oː//oʊ/
P ppee/piː//piː/
Q qque/qju//kjuː/
R rar/ɑː//ɑr/
S ses/ɛs//ɛs/
T ttee/tiː//tiː/
U uyou/juː//juː/
V vvee/viː//viː/
W wdouble-u/dɑbəɫˈju//dʌbəl juː/
X xex/ɛks//ɛks/
Y ywy/ʋɑɪ//waɪ/
Z zzed / zee /zɛt//ziː/

La pronuncia dell’alfabeto inglese e le differenze tra inglese americano e inglese britannico

Come avrete notato, nella tabella la pronuncia britannica e quella americana differiscono per alcune lettere (O, Q, R, Y e Z). Proviamo a capirne le differenze di pronuncia con un paio di esempi: 

Una prima differenza è riscontrabile nella pronuncia della lettera “R”.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀡󠀠󠀳 Un/a americano/a la pronuncia quasi sempre in modo marcato.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀡󠀡󠀳󠀰 In linguistica, questo caso viene definito “rotacismo inglese”.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀡󠀢󠀳󠀰 Al contrario, nell’inglese britannico standard (British English, BE) non si parla di rotacismo inglese, dato che la [r] non viene sempre pronunciata – se la “R” precede una consonante o si trova a fine parola, non si pronuncia.

  • Your morning in New York (“La tua mattina a New York”)

Nell’inglese americano (American English, AE), invece, la “R” viene spesso pronunciata.

  • Your morning in New York (“La tua mattina a New York“)

Un’altra differenza si verifica nella lettera “Z”, che nell’inglese americano si pronuncia /ziː/ (zee) e in quello britannico /zɛd/ (zed).󠀲󠀨󠀤

Addentrandovi nella lingua inglese, vi accorgerete inoltre che, a seconda del punto in cui si trovano le lettere all’interno della parola, cambia anche la loro pronuncia.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀢󠀥󠀳󠀰 Infatti, dalle 26 lettere si possono formare moltissimi suoni – più di 40! Per farvi un esempio, la [c] di cool /ˈkuːl/ (stiloso/a) ha un suono diverso dalla [c] di city /ˈsɪti/ (città).󠀲󠀨󠀤󠀣󠀢

󠀰Consigli per l’apprendimento e altre curiosità sull’alfabeto inglese

  • In inglese le vocali A e I formano da sole delle parole.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀢󠀩󠀳󠀰 “A” indica l’articolo indeterminativo “un/uno/a e I si riferisce al pronome personale “io”.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀣
  • La lettera più usata in inglese è la vocale E”.󠀲󠀨󠀤󠀣
  • Una frase che contiene tutte le 26 lettere dell’alfabeto si chiama pangramma.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀣󠀢󠀳󠀰 Ne è un esempio la frase: The quick brown fox jumps over the lazy dog (La volpe bruna salta sul cane pigro)󠀲󠀨󠀤.
  • Con Babbel, l’app per l’apprendimento delle lingue, imparerete a sillabare nuove parole in inglese fin dalla prima lezione.󠀲󠀨󠀤󠀣󠀣󠀦󠀳 L’app include anche molti giochi divertenti, come il “treno delle parole”, ottimi per ripetere divertendosi.

E per chiudere, ecco una lista di guide alla pronuncia dei vari alfabeti:

Vuoi imparare l'inglese?
PROVA BABBEL
Condividi: