Babbel Logo

Cultura E Tradizioni

Lingue italiane che scompaiono: l’occitano

Lingue italiane che scompaiono: l’occitano

L’occitano è una lingua senza patria. O meglio, è una lingua che una patria ce l’ha da quasi un millennio, ma non è mai esistita burocraticamente o sulle carte geografiche: si chiama Occitania e si estende dai Pirenei – al confine tra Francia e Spagna – fino alle Alpi italiane.
Viaggio nell’Italia in minoranza: lingue che scompaiono

Viaggio nell’Italia in minoranza: lingue che scompaiono

Un viaggio attraverso i luoghi d’Italia dove si parla ancora il walser, l’occitano, il tabarchino, l’arbëreshë, il grico. Volete partire assieme a noi?
Gli scioglilingua sono una cosa seria: nel resto del mondo è anche peggio

Gli scioglilingua sono una cosa seria: nel resto del mondo è anche peggio

E dopo gli scioglilingua italiani, ecco una lista dei più belli provenienti dalle altre lingue.
Non solo bagna càuda: 10 specialità nate in Piemonte

Non solo bagna càuda: 10 specialità nate in Piemonte

Il nostro viaggio nella gastronomia italiana continua: ecco una lista di specialità piemontesi da gustare subito! Che fame!
8 cose da sapere per fare un figurone all’Oktoberfest

8 cose da sapere per fare un figurone all’Oktoberfest

L’Oktoberfest è alle porte e anche quest’anno milioni di turisti visiteranno la più grande festa popolare del mondo. In occasione di questo evento, abbiamo preparato una lista con tutto i consigli per destreggiarsi al meglio durante la vostra vacanza.
La tradizione gastronomica a Milano e in Lombardia

La tradizione gastronomica a Milano e in Lombardia

Quali sono i piatti più famosi della tradizione gastronomica lombarda e, per la precisione, di Milano? La nostra Laura si è messa ai fornelli per voi!
Dall’algebra al tamarro: parole italiane che provengono dall’arabo

Dall’algebra al tamarro: parole italiane che provengono dall’arabo

Un’enorme quantità di vocaboli italiani deriva dall’arabo: testimoni del dialogo secolare, dalla scienza alla cucina, fra le due sponde del Mediterraneo.
Scrittori che non scrivono nella propria lingua

Scrittori che non scrivono nella propria lingua

Dagli scrittori contemporanei ai grandi classici: sono molti gli scrittori che hanno deciso di lasciare il porto sicuro della propria lingua madre per dare vita a capolavori linguistici ricchi di contaminazioni. Ecco alcuni esempi!
5 motivi per cui, per vivere all’estero, è necessario parlare la lingua locale

5 motivi per cui, per vivere all’estero, è necessario parlare la lingua locale

Quando mi sono trasferita in un altro Paese, non mi ero resa conto di quanto mi sarebbe servita la lingua locale per poter avere successo nella mia nuova vita. In questo articolo, vi spiegherò alcuni dei vantaggi del parlare la lingua locale quando si vive all’estero.
14 espressioni in portoghese essenziali per comprendere il Brasile

14 espressioni in portoghese essenziali per comprendere il Brasile

Conoscere una cultura significa impararne tutti gli aspetti, a partire dalle sfumature del linguaggio. Abbiamo preparato per voi una lista di bellissime espressioni brasiliane da studiare prima del prossimo viaggio in Brasile.
Le 8 parole inglesi che preferisco

Le 8 parole inglesi che preferisco

L’inglese? Non è solo utile per farci capire all’estero e per avere più opportunità lavorative… è anche una lingua poetica e affascinante! Non ci credete? Leggete la lista con le nostre 8 parole preferite!
9 modi di dire tedeschi che vi faranno passare per un madrelingua

9 modi di dire tedeschi che vi faranno passare per un madrelingua

Pensate che il tedesco sia diretto e non lasci spazio a metafore e giochi di parole? Questa lista vi farà cambiare idea
8 espressioni sul calcio che provengono da tutto il mondo

8 espressioni sul calcio che provengono da tutto il mondo

Ecco una lista di espressioni sul calcio provenienti da tutto il mondo: scopritele assieme a noi!
Insulti vecchio stile, ovvero come offendere qualcuno senza farsi scoprire

Insulti vecchio stile, ovvero come offendere qualcuno senza farsi scoprire

Dedicato a tutti quelli che non vogliono rinunciare alle parolacce ma preferiscono gli insulti “vintage”.